Diritto del Lavoro: Per le Aziende, la valutazione comparativa di tutte le opzioni disponibili, è la chiave per evitare lunghi contenziosi e costi elevati

Le imprese sanno che il diritto del lavoro è materia delicata perchè una non corretta analisi di tutte le opzioni disponibili per ogni singolo caso, può portare a dover gestire grosse problematiche con costi incerti e molto elevati.

diritto del lavoroSpesso l’imprenditore si sente la vera parte debole del rapporto, destinataria a volte di sentenze o decisioni ingiuste che sembrano voler tutelare il lavoratore “a prescindere”.

Tuttavia, questo accade perchè l’impresa tende a sottovalutare gli aspetti formali che devono essere rispettati affinchè le sue decisioni possano quantomeno essere considerate correttamente.

Ad esempio, una contestazione disciplinare che non descriva “esattamente” il fatto contestato, risulterà generica e questo sarebbe già sufficiente ad invalidare il procedimento disciplinare e, qualora lo stesso, sia alla base del licenziamento, rende di fatto illegittimo il licenziamento, a prescindere dal merito.

Cosi come una contestazione disciplinare, pur ben fatta, ma che non è seguita da un “secondo atto specifico” che contiene formalmente la sanzione disciplinare, non vale nulla.

Ancora, il patto di prova che non specifica espressamente le mansioni sulle quali il lavoratore sarà “provato” è già di per se stesso nullo.

In altre parole, la forma, nel diritto del lavoro, è sostanza. Il rispetto della forma diventa quindi la prima cosa su cui l’impresa deve porre l’attenzione, poi viene il merito.

Rispetto al merito quindi, per non trovarsi a sostenere costi non preventivati, prima di attuare qualsiasi comportamento che si rifletta sul rapporto di lavoro, l’azienda deve conoscere esattamente quali presupposti la legge richiede e a cosa si va incontro se questi presupposti non ci sono.

Deve, ad esempio, sapere, che può trasferire un lavoratore solo se esistono ragioni “oggettive” e dimostrabili a giustificazione del trasferimento. E deve dunque sapere che se tali ragioni sono invece “soggettive” dell’impresa o opinabili, il trasferimento potrà essere annullato e il lavoratore avrà diritto di tornare alla sede di partenza.

Oppure, l’azienda è bene che sappia che se impiega lavoratori di altre aziende alle quali appalta un lavoro (salvo solo che siano società di somministrazione), non può dirigerli direttamente, come fa con i propri, o assegnare le stesse mansioni dei propri dipendenti, perchè il rischio è una causa, o peggio un’ispezione, che accerti che sono direttamente lavoratori dell’azienda.

Spesso dunque è la mancanza di consapevolezza dei presupposti che non consente all’azienda di valutare correttamente il rischio, e la espone a essere destinataria di provvedimenti che ritiene ingiusti.

Decidere quindi con cognizione di causa e’, nel diritto del lavoro, il secondo fattore imprescindibile

avvocato angela tassinari
Avv. Angela Tassinari

L’avvocato Angela Tassinari si occupa da oltre 15 anni di diritto del lavoro in favore ed a tutela delle imprese sia in ambito stragiudiziale che giudiziale, e collabora dall’anno 2000 con l’Istituto di Diritto del Lavoro presso l’Università degli Studi di Bergamo come cultrice della materia. Predilige da sempre il linguaggio aziendale che ha portato il nostro Studio Legale ad adottare un innovativo metodo di lavoro, di derivazione tipicamente aziendale, quello della Lean Production.

Oltre alla competenza specifica nella materia, l’assistenza dell’avvocato Angela Tassinari si contraddistingue per:

  • la capacità di fornire indicazioni precise di come agire o di come scegliere nel modo migliore tra possibili alternative, aiutando l’impresa a valutare i relativi costi/benefici
  • risposte in tempi certi e pianificati, anche grazie al nostro innovativo metodo di lavoro
  • in caso di contenzioso giudiziale, visibilità dello stato di avanzamento della pratica mediante una “visual track” appositamente studiata
  • preventivi trasparenti per costi certi

Con la nostra assistenza l’impresa può dunque contare su:

  • riduzione di tempi, rischi e contenziosi e relativi costi elevati
  • monitoraggio dello stato di avanzamento della pratica
  • supporto continuo grazie al team degli avvocati dello Studio che si occupano specificatamente della materia
  • un rapporto di estrema professionalità ma anche snello e informale per gestire la problematica più complessa quanto per sanare un semplice dubbio

Per un immediato colloquio conoscitivo può:

Contattarci al numero (+39) 035 24.81.29

Inviare una mail all’indirizzo info@tassinarisestini.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi