risarcimento danni
Tempo di lettura: 2 minuti

Hai avuto un incidente? Ed ora non sai come avere il risarcimento danni che ti spetta.

risarcimento danni

Di solito accade nelle giornate difficili, quando già sei in ritardo o hai avuto degli imprevisti.

Qualcuno si distrae, magari col telefonino, e non si accorge che hai azionato la freccia e ti sei fermato per svoltare.

Oppure sei fermo in colonna e l’auto che sopraggiunge ti tampona, magari spingendoti anche contro l’auto che ti precede.

Spesso accade nelle giornate di pioggia.

O ancora in pieno orario di traffico, con le altre auto che suonano e sorpassano, senza pensare che tu potresti avere bisogno di aiuto.

La prima mossa: compilare il modulo di constatazione amichevole

La prima cosa da imparare è di non farsi vincere dalle emozioni.

Rabbia, agitazione, panico, non ti aiuteranno di certo a raggiungere l’obiettivo.

Quindi, dopo aver verificato se qualcuno ha bisogno di un’ambulanza, mettiti all’opera.

Chiedi i dati delle altre persone e dei veicoli coinvolti e compila il modulo di constatazione amichevole, avendo cura di farlo anche firmare e di scrivere il nome di eventuali testimoni.

Se i testimoni non vengono indicati subito, non potranno più essere chiamati a riferire l’accaduto.

Scatta anche alcune fotografie: del luogo dell’incidente, dei danni subiti dalle auto (non solo la tua), della posizione dei veicoli e della segnaletica stradale.

In caso di difficoltà, contatta le autorità e chiedi il loro intervento.

Tutte queste informazioni saranno utili a te o al tuo avvocato di fiducia per chiedere e ottenere il risarcimento danni da parte dell’assicurazione.

La seconda mossa: fare denuncia e chiedere il risarcimento danni

Come se non bastasse, oltre ad avere subìto dei danni, ora devi capire come avere il risarcimento.

Significa che, fra i mille altri impegni quotidiani, devi attivarti con la carrozzeria, ma anche con visite mediche o interventi e con l’assicurazione.

Ti parleranno di CID, di responsabilità, di perizie, di liquidatore.

Dovrai gestire la raccolta dei documenti, svincolarti fra uffici e telefonate.

Sarebbe magnifico potersi affidare a qualcuno che gestisca questa situazione al posto tuo e che, con la propria esperienza, sappia darti consigli utili.

Infatti, mentre tu stai pensando a come organizzarti, ci sono i termini da rispettare per fare la denuncia, i documenti da inviare, le decisioni da prendere.

E allora perché non affidarsi da subito ad un professionista esperto, che possa liberarti da queste preoccupazioni e affiancarti per ottenere il giusto risarcimento.

Magari evitandoti anche qualche passo falso.

Se non si conoscono le procedure, infatti, è più facile fare errori o perdere la pazienza.

Rendendo così più lungo e difficile il percorso per ottenere il risarcimento.

E se l’ostacolo è la paura di dover pagare all’avvocato più di quanto pensi di ottenere con il risarcimento, ricorda che solitamente, se si raggiunge un accordo con l’assicurazione, le spese del professionista vengono sostenute direttamente dall’assicurazione che paga il risarcimento.

In ogni caso, potrai confrontarti con l’avvocato prima di affidargli l’incarico.