diritto dei nonni
Tempo di lettura: 2 minuti

diritto dei nonniEsiste un diritto dei nonni di frequentare i nipoti?

I nonni possono vantare tale diritto di frequentare i nipoti, anche nei confronti dei loro genitori?

E’ diritto dei nonni mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni.

Tale diritto è espressamente previsto dall’art. 317 bis recentemente introdotto nel codice civile.

Accade spesso, tuttavia, soprattutto a seguito di separazioni e divorzi conflittuali, che il diritto dei nonni di continuare a frequentare i nipoti, sia osteggiato dal genitore che abbia l’affidamento esclusivo dei figli o, in caso di affidamento condiviso, il collocamento prevalente degli stessi.

In questi casi, tuttavia, la legge prevede espressamente che i nonni possano rivolgersi al Giudice affinché siano adottati i provvedimenti più idonei nell’esclusivo interesse del minore.

Sebbene sia espressamente previsto un diritto dei nonni, dunque, tale diritto deve essere comunque tutelato ed esercitato nell’esclusivo interesse del minore e non dei nonni stessi.

Cosa significa in concreto?

Significa che se il genitore che impedisce ai nonni di mantenere con suo figlio un rapporto significativo, lo fa per tutelare in qualche modo il figlio da qualche rischio o pericolo, tale circostanza dovrà essere considerata anche da un Giudice, il quale, nel vagliare la situazione, dovrà pensare all’esclusivo interesse del minore stesso.

Qualora, tuttavia, un genitore, per motivi che nulla hanno a che vedere con l’interesse del proprio figlio, dovesse osteggiare il rapporto del bambino con i nonni, questi, rivolgendosi al Giudice, potrebbero tutelare il proprio diritto di frequentare il bambino, facendolo coincidere con l’interesse del minore stesso.

A fronte del diritto del nonno, è interesse e diritto riconosciuto di ogni bambino mantenere un rapporto significativo con i rami parentali di entrambi i genitori.

Quando i Giudici si sono trovati a dover tutelare tale diritto hanno quindi previsto, esattamente come accade in occasione dell’affidamento dei figli, le modalità di frequentazione tra nonni e figli e, ove necessario, anche l’intervento in aiuto dei servizi sociali o di un eventuale consultorio familiare.

Il diritto dei nonni di mantenere un rapporto con i nipoti minorenni, infatti, si traduce spesso in una tutela ulteriore del diritto del bambino a formare la propria personalità e la propria identità rapportandosi con entrambi i rami famigliari.