separati in casa
Tempo di lettura: 2 minuti

Separati in casa: oggi accade sempre più di frequente.

separati in casaE’ considerata da molti coniugi come una soluzione a metà strada tra il matrimonio e la separazione “legale”.

I motivi della scelta sono i più diversi: i problemi economici, il bene per i figli, le apparenze, le questioni emotive.

Il risultato, tuttavia, è contrario al diritto.

Il Tribunale non può autorizzare a vivere “separati in casa”

Questa la conclusione alla quale è giunto il Tribunale di Como con la pronuncia della sentenza del 6 giugno 2017.

Nell’esaminare il ricorso per la separazione presentato congiuntamente da due coniugi, il Tribunale si è trovato ad affrontare la questione.

I due coniugi, infatti, chiedevano che il Tribunale, pur pronunciando la separazione “legale”, li autorizzasse a proseguire -a tempo indeterminato- la convivenza sotto lo stesso tetto.

Queste le motivazioni portate dai coniugi a sostegno della richiesta di poter vivere separati in casa:

il fatto che da anni i coniugi già vivevano separati in casa;

la volontà di entrambi di non allontanarsi dalla casa familiare, in comproprietà;

la presenza di locali idonei a consentirgli di vivere separati in casa;

la volontà di preservare le risorse economiche a favore del figlio maggiorenne, studente;

non precisati problemi di salute della moglie;

al contempo, vi era anche la volontà reciproca di svincolarsi dal dovere di fedeltà.

Il Tribunale ha ritenuto di non poter accogliere tale richiesta.

Il Giudice ha infatti precisato che, sul piano personale, le parti hanno facoltà di comportarsi come meglio credono.

Se, pertanto, desiderano proseguire una convivenza formale, non gli può essere impedito.

Non è tuttavia consentito, nel nostro ordinamento, attribuire a tale “desiderio” il riconoscimento di vero e proprio diritto.

L’intollerabilità della convivenza: presupposto della separazione “legale” che contrasta con la volontà di continuare a convivere “sotto lo stesso tetto”

Alla base dell’istituto della separazione, infatti, vi dev’essere una situazione di intollerabilità della convivenza.

Chiedendo di essere autorizzati a vivere “separati in casa”, invece, i coniugi di fatto chiedono al Giudice di autorizzare una proroga della convivenza.

Non può quindi essere accolta “la pretesa di attribuire, con un provvedimento di omologa, riconoscimento giuridico, con i conseguenti effetti della separazione coniugale, ad un accordo privatistico che regolamenti la condizione di “separati in casa””.

Peraltro, a lungo andare, la convivenza da “separati in casa” potrebbe anche portare ad un aumento dei conflitti e, ancor più grave, al danneggiamento per i figli.

Per questo motivo, è sempre opportuno valutare la situazione in cui ci si trova con l’aiuto di un esperto.

Solo in questo modo si potrà decidere con consapevolezza quale alternativa – fra quelle possibili – è meglio scegliere.